CoseBuone

L'Orto di Carmen

Martedì 12 Aprile 2016 - 10.35

L'azienda, situata nella suggestiva zona Balmetti di Borgofranco d'Ivrea, nasce nel novembre del 2015 dopo anni di studi agricoli e un anno di esperienza a Candia Canavese. Nell'Orto di Carmen si pratica un'agricoltura biologica nel rispetto della natura circostante, cercando di garantire la maggior biodiversità possibile e quindi offrire prodotti sani e buoni.

Cascina Bedria

Venerdì 26 Febbraio 2016 - 17.04

azienda e agriturismo

L'azienda agricola Cascina Bedria produce, su circa due ettari di terreno, una vasta gamma di ortaggi da serra e da campo, di cui una peculiarità è la disposizione: non secondo le classiche filiari, ma in quadrati. Infatti, la produttrice Christine, da sempre ben disposta all'integrazione, ha deciso di utilizzare questa tecnica, di origine africana, in seguito alla collaborazione con un ragazzo rifugiato.

Laboratorio del Gabbio

Mercoledì 24 Febbraio 2016 - 17.20

Il carcere ha sfornato una bella (e croccante) idea

Il Laboratorio del Gabbio è un progetto sociale della Cooperativa Campo Aperto, che occupa detenuti del carcere di Ivrea, persone svantaggiate e richiedenti asilo, nel laboratorio di trasformazione di Cascina Praie, a Salerano.

Nei campi gestiti dalla cooperativa si coltiva dal 2012 frutta e verdura con metodo naturale, senza l’uso di sostanze di origine chimica. La produzione viene venduta direttamente in azienda e in parte trasformata in gustose confetture e conserve.

Cascina Escuelita

Martedì 16 Febbraio 2016 - 18.09

Pane a pasta acida

Il rispetto e l'amore per la natura sono i cardini di questa azienda nata nel 1986 e che, fin da subito ha deciso di non utilizzare prodotti chimici di sintesi. Nei campi sono coltivati prevalentemente cereali come frumento tenero, segale e mais, utilizzando sementi di varietà antiche e alcune di nuova generazione (purchè non abbiano subito troppe selezioni).

Il Granello di Senape

Martedì 16 Febbraio 2016 - 16.59

Azienda agricola 

Nasce nel 1999 ad Azeglio con il desiderio di salvaguardare il territorio e la biodiversità. Fin da subito decide di certificarsi biologico seguendo le più comuni pratiche di agricoltura biologica, escludendo l'uso di pacciamature non perfettamente naturali. Negli anni successivi sperimenta alcune tecniche ancora più rispettose dell'ambiente, come ad esempio, la preparazione del terreno tramite solo ripuntatura ed erpicatura, permettendo di non rivoltare gli strati del terreno e di ossigenarlo in profondità, e la crescita ad "altezza naturale" degli alberi da frutto.

Pagine

Abbonamento a RSS - CoseBuone